Ricerca
Chiudere questa casella di ricerca.

Aglio orsino: cos'è questa pianta?

aglio dell'orso selvatico.

L'aglio orsino viene utilizzato nella medicina popolare da moltissimo tempo. Sebbene l'aglio comune abbia molte proprietà positive, la sua controparte orsina può avere effetti ancora più benefici sul lavoro del corpo umano.

Dove si può trovare l'aglio orsino?

L'aglio orsino è altrimenti noto come aglio zingaro. Alcuni la chiamano cipolla delle streghe. Cresce spontaneamente nelle foreste di tutta Europa. È presente anche in alcune zone dell'Asia. In Polonia cresce nelle aree della foresta di Kampinos, Bieszczady e Białowieża.

Quali sono le caratteristiche dell'aglio orsino?

L'aglio orsino è caratterizzato da lunghe foglie lanceolate. Raggiungono lunghezze fino a 20-50 centimetri. Sono proprio queste foglie la parte più benefica dell'aglio orsino per l'uomo. Oltre a questo, l'aglio orsino è caratterizzato da un bulbo stretto e lungo. All'inizio è liscia, mentre durante la fioritura forma una massa fibrosa frastagliata. L'aglio ha anche fiori e frutti.

Sviluppo dell'aglio orsino

L'aglio orsino fiorisce tra aprile e giugno. La fioritura è più intensa a maggio. I fiori sono impollinati da mosche e bombi. I frutti e i semi si formano in giugno e luglio. I semi germogliano solitamente dopo 14 mesi, da novembre ad aprile.

Caratteristiche dell'aglio orsino

La pianta ha un odore simile all'aglio. È velenoso per alcuni mammiferi, compresi i cani. Contiene l'olio essenziale di ursalina e l'acido ascorbico. L'erba contiene flavonoidi glicosidici, composti fenolici e lectine. La cipolla è ricca di polisaccaridi e acidi grassi. L'aglio orsino è ricco di magnesio, manganese e ferro. Presenta inoltre un'elevata quantità di adenosina.

Aglio orsino sotto protezione

L'aglio orsino è elencato nei libri delle specie in pericolo in Estonia, Lettonia, Lituania e Bielorussia. Dal 2004 è sottoposta a una protezione parziale della specie in Polonia, poiché è considerata una specie in via di estinzione. È stata inserita nella Lista rossa delle piante e dei funghi della Polonia nel 2006. Le minacce per l'aglio orsino includono la conversione delle foreste miste in foreste di conifere, la distruzione degli habitat nelle foreste ripariali durante la regolazione dei fiumi e la gestione impropria delle foreste. L'aglio orsino è classificato come specie vegetale parzialmente protetta secondo il Regolamento del Ministro dell'Ambiente del 9 ottobre 2014 "Sulla protezione delle specie vegetali". Può essere raccolto solo da entità che hanno ricevuto l'autorizzazione a farlo.

Aglio orsino - proprietà

L'aglio orsino ha molte proprietà. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le sue foglie contengono molti principi attivi come allicina, composti solforati, clorofilla e flavonoidi. Questo fa sì che l'aglio orsino faccia bene all'organismo umano. Aiuta in molti modi, come dimostrano le prove scientifiche. In primo luogo, sostiene l'apparato digerente. È un supporto per i problemi gastrointestinali. L'estratto di aglio orsino riduce la tensione nell'intestino tenue. Inoltre, aiuta a eliminare i parassiti dall'apparato digerente. L'aglio orsino è consigliato anche per i problemi di colesterolo, aiuta a regolare la pressione sanguigna, sostiene le difese immunitarie e, grazie ad esso, è possibile mantenere sane le articolazioni. Favorisce inoltre la funzione epatica. Gli ingredienti contenuti nell'aglio orsino aiutano a disintossicare l'organismo neutralizzando i metalli pesanti e altre tossine persistenti.

L'aglio orsino: per cos'altro è utile?

L'aglio orsino è stato utilizzato come erba antiscorbuto. Migliora la digestione, ha un effetto antibatterico e previene anche le malattie cardiovascolari. Può essere utilizzato anche per i problemi respiratori, il trattamento delle ferite, le malattie croniche della pelle e il raffreddore. Lenisce anche i dolori reumatici. Si dice addirittura che possa prevenire i tumori maligni. Previene l'arteriosclerosi e stimola la secrezione di succo gastrico e bile, oltre che di muco bronchiale. Viene utilizzato per la cisticercosi.

Pianta commestibile e ornamentale

L'aglio orsino può essere classificato sia come pianta commestibile sia come pianta ornamentale. Tutte le parti di questa pianta sono commestibili. Hanno un caratteristico sapore di aglio. È più forte quando la pianta è fresca. Con la cottura o l'essiccazione, l'aroma diminuisce. Di solito si mangiano le foglie, ma anche i fiori e i frutti. I fiori hanno un sapore più deciso delle foglie e i frutti hanno il sapore più acuto. Possono essere utilizzati come guarnizione per i piatti. Il momento migliore per raccogliere le foglie di aglio è prima della fioritura, in marzo o aprile. Possono essere consumati crudi o cotti. Possono essere utilizzati anche per preparare il pesto o aggiunti a zuppe, risotti, ravioli, formaggi gialli e ricotta. Le cipolle possono essere utilizzate come il comune aglio. Il succo dell'aglio orsino viene utilizzato nelle diete per la perdita di peso. Le foglie possono essere messe in salamoia.

Aglio orsino e integratori

L'aglio orsino è disponibile in farmacia in diverse forme. Si tratta di erbe in polvere, lozioni per uso esterno, capsule e compresse. L'aglio non deve essere assunto da persone che soffrono di ulcere gastriche o duodenali. Occorre inoltre prestare attenzione in caso di gravidanza o di assunzione di anticoagulanti.

Altri articoli interessanti

Una risposta

  1. Questo è il momento migliore per piantare l'aglio invernale. Di solito lo compro su Internet, perché è più conveniente e posso averne molto a meno. A volte l'aglio si presenta in spicchi e a volte in bulbi. Quando è intero, lo separo in singoli spicchi. Faccio dei buchi nel terreno abbastanza profondi per il mio dito indice e inserisco uno spicchio alla volta, con la punta rivolta verso l'alto. Più o meno a distanza l'uno dall'altro, ma a volte più vicini, al massimo strappo quelli più deboli in primavera per fare più spazio agli altri. Allo stesso modo, pianto le varietà invernali di cipollotti. E in luoghi ombreggiati, sotto alberi e cespugli, in modo simile, ma vicini, pianto l'aglio orsino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *