Resistenza all'insulina: cos'è?

mani dell'uomo che utilizzano una lancetta sul dito per controllare la glicemia o i chetoni

L'insulino-resistenza è una condizione in cui l'ormone insulina presente nel nostro organismo non riesce a regolare efficacemente i livelli di glucosio nel sangue. L'insulino-resistenza si verifica quando le cellule dell'organismo ignorano i segnali dell'insulina per assorbire il glucosio circolante, che si accumula nel sangue e innesca una maggiore produzione di insulina. Questo aumento dell'insulina e del glucosio può portare a una serie di gravi problemi di salute e aumentare il processo di invecchiamento. Le cause esatte dell'insulino-resistenza sono complesse e ancora in fase di ricerca, ma sappiamo che può essere influenzata da livelli di zucchero nel sangue cronicamente elevati, oltre che da altri fattori come la genetica, la dieta, la mancanza di esercizio fisico, il sonno insufficiente e le tossine ambientali. È importante mantenere una dieta sana ed equilibrata, soprattutto se si soffre di insulino-resistenza. Ciò significa ridurre l'assunzione di cibi elaborati e limitare l'assunzione di zuccheri. La scelta di verdure non amidacee e l'aumento delle fibre possono contribuire a ridurre i livelli elevati di zucchero nel sangue associati all'insulino-resistenza. È inoltre essenziale bere molta acqua ogni giorno per mantenersi idratati. La resistenza all'insulina può essere affrontata modificando le abitudini alimentari e l'esercizio fisico. Più ci si impegna a mantenere uno stile di vita sano, più il corpo sarà in grado di utilizzare l'insulina. Esistono anche ingredienti e nutrienti naturali che si possono assumere per affrontare e trattare l'insulino-resistenza e mantenere equilibrati i livelli di insulina e di zucchero nel sangue.

Vale la pena ricordarlo!

Quando l'insulino-resistenza non viene trattata, può portare a una serie di complicazioni per la salute, come la sindrome metabolica. Si tratta di un insieme di condizioni che comprendono glicemia alta, pressione alta, colesterolo alto ed eccesso di grasso addominale. Se si soffre di sindrome metabolica, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, associato a ulteriori complicazioni, è molto più elevato. È quindi importante conoscere i propri fattori di rischio e rivolgersi al medico in caso di dubbi, in modo da ottenere una diagnosi corretta. La buona notizia è che con una buona dieta e uno stile di vita sano è possibile gestire l'insulino-resistenza prima che possa causare danni a lungo termine.

Se vi è stata diagnosticata una resistenza all'insulina, la prima domanda che vi ponete è se i farmaci possono trattare questa condizione. Molti medici prescrivono la metformina ai pazienti con pre-diabete e/o insulino-resistenza. Agisce riducendo la produzione di glucosio da parte del fegato e aumentando la sensibilità all'insulina delle cellule. Tuttavia, non affronta la causa di fondo dell'insulino-resistenza. Il pioglitazone è un altro farmaco che abbassa i livelli di zucchero nel sangue aumentando la sensibilità dell'organismo all'insulina. Tuttavia, questo farmaco non è così popolare come la metformina, in parte a causa del potenziale effetto collaterale di un lieve aumento di peso. Sebbene i farmaci possano svolgere un ruolo nel migliorare la sensibilità all'insulina e ritardare l'insorgenza del diabete di tipo 2, raramente sono sufficienti come unico intervento.

Praticamente qualsiasi intervento dietetico che comporti una perdita di peso, in particolare di grasso addominale, può migliorare temporaneamente la sensibilità all'insulina. Le diete a basso contenuto di carboidrati rientrano certamente in questa descrizione e possono essere più efficaci di quelle a basso contenuto di grassi per migliorare la sensibilità all'insulina. Uno studio osservazionale ha addirittura suggerito un miglioramento della sopravvivenza nelle persone con pre-diabete che seguivano una dieta a basso contenuto di carboidrati, mentre uno studio non randomizzato più solido ha mostrato una normalizzazione del glucosio in più di 501 partecipanti con pre-diabete. Il motivo per cui le diete a basso contenuto di carboidrati vanno bene per le persone con resistenza all'insulina è semplice: se non si mangia zucchero - o carboidrati che si digeriscono rapidamente in zucchero - si avrà meno zucchero nel sangue e quindi meno bisogno di produrre insulina per spostare lo zucchero (glucosio) dal sangue alle cellule. Se l'organismo è già resistente all'insulina, la creazione di questo ambiente interno in cui non sono necessari alti livelli di insulina per mantenere normali livelli di zucchero nel sangue è estremamente utile.

Sintesi

Quando c'è un eccesso di insulina e di zuccheri nel sangue, il nostro corpo segnala che lo zucchero in eccesso viene immagazzinato. Possiamo immagazzinare un po' di zucchero nel fegato e nei muscoli, ma quando questi sono pieni, il nostro corpo inizia a immagazzinare zucchero extra sotto forma di grasso. Questo, ovviamente, inizia a causare un aumento di peso. Quando i livelli di zucchero nel sangue sono costantemente elevati, possono insorgere diverse patologie croniche, tra cui malattie cardiache, ictus, insufficienza renale, cecità, malattie dei nervi del nostro corpo, ulcere ai piedi e infezioni. Sono molti i fattori che possono portare all'insulino-resistenza, tra cui la dieta, la genetica e il peso. L'aspetto più interessante dell'insulino-resistenza è che può essere ritardata o prevenuta. I cambiamenti nella dieta, l'attività fisica e persino alcuni farmaci possono essere strumenti potenti per aiutare a ridurre i livelli di zucchero e insulina nel sangue.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.