Ricerca
Chiudere questa casella di ricerca.

Aperol spritz - cocktail alcolico

barista che prepara aperitivo alcolico, cocktail aperol spritz

Aperol spritz

Pur essendo una delle tante bevande che rientrano nella categoria degli aperitivi, l'Aperol si distingue per i suoi ingredienti principali. L'Aperol è prodotto secondo una ricetta segreta che non è cambiata da quando la bevanda è stata creata nel 1919. Pur non potendo rivelare la ricetta esatta, l'azienda ha comunicato che gli ingredienti principali sono arance amare e dolci, rabarbaro e una varietà di erbe e spezie. Internet può aver iniziato a discutere dei meriti dell'Aperol quest'estate, ma i bevitori si divertono con entusiasmo da 100 anni. È stato creato per la prima volta da due fratelli di nome Luigi e Silvio Barbieri che, secondo Marquis, hanno impiegato sette anni per la ricerca e lo sviluppo. Quando il prodotto soddisfa i loro standard, i fratelli Barbieri lo presentano per la prima volta a una fiera a Padova, in Italia. Essendo un aperitivo, l'Aperol viene tradizionalmente consumato prima dei pasti, ma ora i responsabili di Campari American affermano che è il drink perfetto in qualsiasi momento della giornata grazie alla sua bassa gradazione alcolica di 11%. Si scopre anche che c'è un motivo per cui gli Aperol Spritz sono così popolari. L'Aperol è stato inventato nel 1919, ma è stato solo dopo la Seconda Guerra Mondiale che l'Aperol si è imposto all'attenzione mondiale. Lo stile di vita italiano, che consiste nel gustare un "apéritif" prima di cena, ha conquistato il mondo. La parola gergale per apéritif è "apéro", da cui il nome Aperol. Gli aromi riportati nelle descrizioni dell'Aperol includono, tra gli altri ingredienti, arancia amara, amari, rabarbaro e china.

 Vale la pena ricordarlo!

Il marchio ha guadagnato popolarità all'inizio del XX secolo, ma solo negli anni '50 è nata la ricetta ufficiale dello spritz Aperol. Sip è stato un successo in Italia come aperitivo - una sorta di bevanda leggera e a basso contenuto di alcolici prima di cena per rinfrescarsi dalla giornata e preparare l'appetito per la serata. Il cocktail è arrivato gradualmente anche oltreoceano quando Aperol è stato acquisito dal Gruppo Campari all'inizio degli anni Duemila. Il gruppo ha puntato molto sulla pubblicità dello spritz Aperol, rendendolo il drink preferito in occasione di eventi mediatici come The Governor's Ball e BottleRock, dando il via a un'impennata di popolarità nello Stato che dura ancora oggi. Quando gli austriaci controllarono il Veneto dopo le guerre napoleoniche, presero il vino italiano locale e aggiunsero una spruzzata, o in tedesco, uno "spritz" d'acqua. Col tempo, l'acqua è stata sostituita dall'acqua frizzante e il vino fermo è stato trasformato in vino arricchito di liquori. Non passò molto tempo prima che il liquore scelto diventasse quello che oggi chiamiamo Aperol. Tra il 1920 e il 1930 si diffuse in tutta Italia e fu commercializzata come bevanda per le donne e per chi aveva uno stile di vita attivo. La ricetta dell'Aperol Spritz è diventata famosa dopo uno spot televisivo in Italia nel 1950 e ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo negli anni '80 e '90. Il Gruppo Campari ha acquistato Aperol nel 2003 e ha lanciato una vasta campagna pubblicitaria e di marketing che ha posizionato l'Aperol Spritz come una bevanda per i creativi, gli amanti della moda e del successo. Oggi l'Aperol Spritz è uno dei drink più popolari al mondo.

Sintesi

Il cocktail è arrivato gradualmente anche oltreoceano quando Aperol è stato acquisito dal Gruppo Campari all'inizio degli anni Duemila. Il gruppo ha puntato molto sulla pubblicità dello spritz Aperol, rendendolo il drink preferito in occasione di eventi mediatici come il Governor's Ball e il BottleRock, dando inizio a un'ascesa di popolarità nello Stato che dura ancora oggi. Quando gli dei e i conquistatori dell'antica Grecia facevano festa... c'erano determinati codici di comportamento. Regola numero uno? Mescolare sempre il vino con l'acqua. Bere vino non diluito era considerato poco elegante! La diluizione dei vini concentrati permetteva ai bevitori di contenersi. Inoltre, dava a questi antichi animali da festa più energia, prolungando il loro divertimento e gli eventi a cui partecipavano. Le ricette di questi cocktail diluiti si sono evolute durante l'antica dominazione romana. Il Setin era un intruglio di vino e neve (che pare piacesse molto ad Augusto), il Mulsum si mescolava al miele, mentre il Conditum era composto da erbe, spezie, semi e altro ancora, e il raffinato Rosatum conteneva petali di rosa per diluire il vino. L'Aperol è stato creato nel 1919, ma è stato solo con la campagna di marketing del 1990 che questo liquore all'arancia è diventato un fenomeno globale. Immaginate una pubblicità piena di persone giovani, attraenti e spensierate che bevono Aperol durante il giorno. Facile, arioso... l'annuncio promuoveva uno stile di vita e una cultura in linea con il relax post-lavorativo, ben praticato a Venezia ma non pienamente diffuso in tutto il Paese. In questo periodo, la bevanda fu anche formalmente introdotta ai baristi da Firenze a Roma e in tutta l'Italia meridionale, con l'idea che la minore gradazione alcolica avrebbe placato i bevitori che cercavano di limitare l'assunzione di alcol. All'inizio degli anni 2000, Aperol è stato acquisito dal Gruppo Campari, e una successiva spinta pubblicitaria lo ha reso la bevanda preferita per la socializzazione e gli incontri rilassati dei nostri tempi moderni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *