Gli gnocchi - un piatto ricco di storia, usanze e leggende

gnocchi di patate fatti in casa non cotti.

Gnocchi! Setoso, tenero e delizioso! È una delle paste italiane più tradizionali e amate. È ricca di storia, costumi e leggende. In questo articolo vogliamo rendergli omaggio facendo luce sui fatti più interessanti.

Gnocchi o noqui? Entrambe le parole sono corrette

In italiano si scrive "gnocchi". Tuttavia, è corretto anche dire "noqui". Il fatto che esistano varianti del nome del prodotto è dovuto alla sua espansione e alla sua influenza nella gastronomia di diverse culture. È un piatto di origine italiana, ma molto tradizionale in paesi come Argentina, Cile, Paraguay e Uruguay. Forse questo è il risultato del gran numero di italiani emigrati in America Latina all'inizio del XX secolo. Come dice il proverbio, "non c'è posto come casa", le persone amano ricordare le loro origini attraverso i sapori della cucina tradizionale del loro paese d'origine. Questo crea le fusioni più deliziose della gastronomia.

Tornando alla parola "gnocchi" e al suo significato, possiamo dire che viene tradotta come pezzi, a causa della sua forma. Tuttavia, c'è chi ritiene che etimologicamente derivi dalla parola "nocchio", riferita a un ramo d'albero, o dalla parola "nocca", che significa pietra.

Origine degli gnocchi

Gli gnocchi ancestrali sono originari di Roma e sono gli "zanzarelli", fatti con pangrattato, latte e mandorle tritate. Erano comuni nei banchetti rinascimentali. All'epoca esistevano diverse varietà di zanzare. C'erano zanzarelli arancioni, fatti con zafferano e zucca, e zanzarelli verdi, fatti con barbabietola e spinaci.

Nel XVII secolo gli zanzarelli furono trasformati in "malfatti" sostituendo le mandorle macinate e il pangrattato con farina, acqua e uovo. Tuttavia, la vera trasformazione del piatto avvenne con l'aggiunta delle patate e questo non avvenne grazie all'importazione delle patate in Europa. Tuttavia, solo nel XIX secolo la patata divenne una parte indispensabile della ricetta, e il motivo fu la protesta del pubblico.

A quel tempo, i signori feudali, chiamati signori, possedevano quasi tutti i mulini. Lì i contadini macinavano il grano per ottenere la farina, che usavano per fare la pasta. Tuttavia, intorno al 1880, i signori aumentarono le tariffe che i contadini dovevano pagare per avere accesso ai mulini. Di fronte a questo aumento dei prezzi, molti agricoltori decisero di iniziare a sperimentare altri prodotti più economici ed è qui che la patata entrò nella ricetta, sostituendo parte della farina. È stato un grande successo!

Un piatto con una ricetta diversa in ogni regione d'Italia

Una delle cose che amiamo di più degli gnocchi è che si tratta di un piatto tradizionale in molte regioni d'Italia, ognuna delle quali dà la propria impronta alla ricetta. Nel nord Italia, ad esempio, esiste una varietà chiamata "canederli". In questo caso, non sono fatti con le patate, ma con pane, latte, farina e carne secca. Sono minuscoli, molto simili a quelli cucinati nell'Italia medievale, e vengono solitamente serviti con brodo, cavolo ed erba cipollina.

Anche al nord, a Piacenza, esiste un altro tipo chiamato "gnocchetti". Nell'impasto vengono utilizzati gli spinaci, da cui il caratteristico colore verde. Il più delle volte vengono serviti con una salsa al formaggio gorgonzola. Nel mantovano e nel parmense, le zucche sono molto tipiche nella ricetta. Vengono serviti con burro, parmigiano reggiano e foglie di salvia.

Se andiamo a sud, in Campania, troviamo gli gnocchi alla sorrentina. In questo caso, l'ingrediente principale è la patata. Vengono serviti in casseruola con salsa di pomodoro e basilico fresco. Si ritiene che questa ricetta tipica sia nata in una piccola osteria di Sorrento, da cui il nome.

Un dettaglio che accomuna tutte le varietà di gnocchi

Come abbiamo detto, ci sono differenze negli ingredienti che compongono l'impasto; ci sono anche dimensioni diverse, più piccole o più grandi, e forme diverse, alcune più ovali e altre più rettangolari. Al di là delle basi, come gli ingredienti generali della base o il metodo di preparazione, quali dettagli hanno in comune quasi tutti gli gnocchi?

Vi vengono in mente i caratteristici cartelli a strisce? Ecco, questa è la chiave della questione. Si possono fare in casa con la forchetta, ma sono fatti con gnocchi di legno, che conferiscono loro un'identità speciale che si riconosce in tutti i tipi di gnocchi. Questa piccola scanalatura, chiamata "riga", aiuta gli gnocchi a cuocere in modo uniforme sia all'interno che all'esterno. Inoltre, aiuta gli gnocchi a combinarsi con il sugo quando vengono serviti da mangiare.

Una ricetta ricca di leggenda

La leggenda più famosa sugli gnocchi è che si mangiano di solito il 29 di ogni mese. Si racconta che San Pantaleone, un giovane medico da poco convertito al cristianesimo, emigrò in Italia per sfuggire alla repressione subita in patria. Lì fu accolto da alcuni umili contadini che gli diedero un piatto di gnocchi da mangiare. In segno di gratitudine, il giovane li ha benedetti, augurando loro un raccolto meraviglioso. Per coincidenza o per miracolo, il desiderio del santo fu esaudito e quell'anno i contadini ebbero un raccolto senza precedenti. Si ritiene che questo evento si sia verificato il 29, quindi gustare un delizioso piatto di gnocchi in questo giorno è simbolo di fortuna.

Un'altra usanza radicata nella ricetta è quella di nascondere una nota sotto il piatto. Questa tradizione è più recente e sembra essere nata durante la Seconda Guerra Mondiale, quando venivano serviti piatti di gnocchi per sfamare le famiglie più disagiate e, a volte, alcune persone nascondevano una banconota sotto il piatto per contribuire a questo aiuto. Un gesto prezioso che fa di questa usanza un simbolo di solidarietà ed empatia.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.